chi sono?

sono un giovane visionario e pensatore, ho un profondo spirito filantropico e mi sento responsabile di contribuire al miglioramento della realtà.

gestisco un'agenzia di comunicazione e aiuto imprenditori, piccole-medie imprese e freelance a far crescere la loro attività grazie al web.

mi occupo anche di divulgazione e ho scritto un libro per aiutare tutte le quelle persone confuse, avvolte dal dubbio e dall'incertezza che non riescono a dare una direzione alla loro vita.

Come sono diventato ciò che sono oggi

La mia storia

Alle superiori facevo il geometra.. a 16 anni ho toccato con mano il mondo delle Startup e mi sono innamorato dell’imprenditoria. Quando ho finito la scuola non avevo la minima idea di cosa avrei fatto della mia vita, sapevo soltanto che avrei seguito un lungo percorso che a poco a poco mi avrebbe portato alla creazione di un MIO progetto imprenditoriale

La prima cosa che ho fatto (seppur non avendo una meta ben precisa) è stata quella di costruirmi delle competenze. Così ho iniziato a studiare il mondo del digital marketing approfondendo la comunicazione verbale e non (scritta e di storytelling) e visiva (foto e video).

Durante il mio percorso sono stato dipendente di una grossa multinazionale e ho lavorato con Startup e Influencer, il tutto continuando a fare il cameriere nei weekend per pagarmi gli studi.

Da oltre un anno mi sono specializzato e mi sto specializzando nelle discipline umanistiche. Mi sono creato un mio personale percorso di studi che abbraccia 4 ambiti diversi tra loro (la filosofia, la psicologia, la sociologia e l’antropologia) e svolgo quotidianamente un lavoro di divulgazione sui miei canali social (ho pure scritto un ebook).

Ho iniziato studiando e lavorando tanto, guardandomi intorno e facendomi delle domande su chi ero, su ciò che volevo diventare e ad oggi gestisco la mia agenzia di comunicazione aiutando imprenditori, piccole-medie imprese e freelance a far crescere la loro attività grazie al web e nel frattempo porto avanti un lavoro di divulgazione condividendo i valori della filosofia come strumento di fioritura personale e come nutrimento per l’intelletto.

I valori che accompagnano il mio viaggio.

Missione

Il mio sogno è quello dar vita ad una nuova generazione di persone libere, consapevoli e pensanti. Attraverso il mio lavoro di divulgazione infatti, desidero aiutare le persone a coltivare il valore del pensiero, l’importanza di porsi delle domande per conoscere se stessi e porre rimedio al disordine esistenziale dell’essere umano, che lo rende confuso, inconsapevole e senza una meta.

01

Umiltà

non siamo mai abbastanza esperti per sottovalutare il prossimo o sopravvalutare noi stessi.

02

Leggerezza

procurati momenti di calma interiore e in questi momenti impara a distinguere l’essenziale dal non essenziale.

03

Dubbio

il cambiamento è l’unica costante, abbandona ogni certezza, costruisci la realtà nel dubbio, contempla l’ignotoabbandona ogni certezza.

Principles

ognuno di noi (consapevolmente o inconsapevolmente) segue delle logiche comportamentali e dei principi che hanno guidato le sue scelte fino a condurlo dove si trova oggi.. per esortare chiunque si imbatta in queste parole a pensare ai propri, ho pensato di condividere miei qui di seguito, perciò eccoli qui:

  • non abbiamo bisogno di consigli, motivazione e quant'altro: l'unica cosa che conta è conoscere noi stessi e agire in accordo con tutti gli elementi che ci caratterizzano.
  • pensare, porsi delle domande e mettere in discussione le proprie convinzioni è un dovere morale di ogni essere umano che desidera essere libero, consapevole e pensante e desidera perseguire un'esistenza straordinaria.
  • crescere, ottenere di più e superare i propri limiti per evolversi come esseri umani non è necessario al conseguimento della felicità, ma è ciò che rende la vita dannatamente interessante e che va perseguito con la costante dell'evoluzione: ovvero il cambiamento.
  • il sistemare educativo convenzionale presenta dei limiti e delle lacune, pertanto dobbiamo essere pronti a mettere in discussione le nostre credenze e uscire dalla strada prestabilita cui ci abitua la società.
  • siamo i soli ed unici responsabili della nostra vita, abbiamo costruito noi stessi e la nostra vita e siamo i soli responsabili per quello che abbiamo in questo momento e per quello otterremo in futuro.
  • è fondamentale approcciarsi con umiltà e mettere in discussione sempre le proprie verità e credenze per analizzarle attraverso più punti di vista.

ehi sei arrivato fin qui? eccoti 18 aneddoti sulla mia vita

molto spesso ci sentiamo al sicuro nel non rivelare troppo su noi stessi per paura di essere giudicati.. io penso invece che essere spontaneamente se stessi sia libertà pura: quindi facciamolo!

  • ho un omino lego di nome DAVE: dico a tutti che è il mio alterego venuto dallo spazio.. in realtà lo tengo perchè ci gioco ancora!
  • non guardo i porno: i miei amici mi prendono ancora in giro ma le ragazze che frequento sono contente.
  • all'età di 15 anni ero autolesionista: per anni ho nascosto la cicatrice sul mio braccio sinistro, alla fine l'ho confessato ai miei genitori i quali mi hanno aiutato a parlarne. non scherzate con queste cose!
  • sono un campione di Yu-gi-oh! gioco a yu-gi-oh da quando ho sei anni, non ho mai buttato le mie carte e tuttora quando ne ho l'occasione duello con mio fratello (lo ammetto però.. uso le carte proibite)
  • ho un punto interrogativo tatuato sul dito medio destro. l'ho fatto nel 2017, è stata la prima volta che ho pensato di voler aiutare quante più persone possibili a porsi le giuste domande e cambiare la propria vita.
  • mi sono sempre sentito diverso dagli altri.. la mia diversità mi ha portato ad essere insicuro e paranoico per anni poi sono cresciuto e ho imparato ad essere il migliore amico di me stesso.
  • sogno in bianco e nero.. l'ho sempre visto come un difetto ma poi ho scoperto che solo il 30% della popolazione mondiale ci riesce. da allora me ne vanto con tutti 😀
  • sono un minimalista con un unico punto debole.. sono un minimalista è vero: penso che si possa ottenere di più dalla vita vivendo con poco ma ho un unico punto debole.. i backpack comprerei backpack ogni singolo giorno della mia vita.​
  • non uso (quasi) mai la maiuscola.
  • non tengo la percentuale di batteria nel telefono.. non conosciamo il giorno in cui moriremo.. e per abituarmi a coltivare la realtà nel dubbio e nell'ignoto io non voglio sapere nemmeno la percentuale della batteria del telefono.
  • ho creato un paradigma: il 12 settembre 2019 ho dato vita al paradigma del padrone-creatore: si tratta di un innovativo modello di pensiero che rivoluzionerà il modo di percepire la realtà delle persone (al momento non sono ancora pronto per rivelare altro).
  • conosco il nome dei genitori di timmy turner.. potrei tenere un po' di mistero, temporeggiare a rivelarteli ma non intendo fare nulla di tutto questo, si chiamano John Steward Turner e Sarah Miraraf.
  • ho trovato il senso della vita! scherzo, la vita non ha alcun senso, però.. c’è un però! penso che la cosa più importante nella vita sia pensare, porsi delle domande e mettere in discussione le proprie convinzioni, questo mi basta ad attribuire un senso alla MIA vita.
  • so distiguere la “o” MAIUSCOLA dallo zero (ho inserito questa caratteristica nei segni particolari del mio curriculum, non sto scherzando).
  • dico sempre la verità​, sempre.
  • nel tempo libero esploro il paradosso, metto in contrapposizione paradigmi contrapposti, mi abituo a pensare come non penserei, unisco creatività e logica, arte e scienza e faccio collidere paradossi.
  • riesco ad essere felice solo i giorni della settimana che finiscono con la “i”.. AH e ovviamente anche i weekend.
  • sono carino e non mi trucco nemmeno (alle superiori conquistavo tutte le ragazze con questa sola ed unica frase: provate amici maschi.​)