#9 Armonia e caos, lo sport come strumento di auto indagine, l’antica e perduta arte del respiro, stabilità lavorativa e guarigione emotiva

Episodio nove.

La MyLife Recap (news)letter è il diario di viaggio che ho creato per condividere periodicamente contenuti, risorse e retroscena del mio percorso introspettivo per aiutarti a conoscere te stesso e avere più chiarezza!

Ti trovi in un luogo dove veicolo senza censure tutti i pensieri e le riflessioni che accompagnano il mio cammino.

Ecco cosa stiamo per vedere insieme:

  • Cosa dovremmo farne della nostra vita? Un articolo gratuito per analizzare la natura umana che dimora in bilico tra armonia e caos
  • Introspezione: lo sport come strumento di auto indagine
  • 20/80: il mio nuovo progetto culturale per valorizzare l’essenziale
  • Serenità per il futuro: Ecco come ho costruito una stabilità lavorativa nonostante l’incertezza e l’ignoto
  • Uno dei principi zen preferito: “Se continui ad identificarti con ciò che sei ti perderai ciò che stai diventando” 

Sei pronto? Cominciamo questo viaggio insieme!

1 | Contenuto della settimana: Cosa dovrei fare della mia vita? In bilico tra armonia e caos

“Ci sono due tipi di sofferenti a questo mondo: quelli che soffrono per una carenza di vita e quelli che soffrono per una sovrabbondanza di vita.”

A quale di questi appartieni?

Io appartenevo ai primi e nell’articolo che ho preparato per te voglio raccontarti come ho superato la cosa riuscendo a conciliare armonia e caos nella mia vita.

Non si tratta di un articolo come un altro. 

Al suo interno navigo intorno a dei grandi quesiti come: “Cosa dovremmo farne della nostra vita?”, “A cosa serve un essere umano?” e “Come possiamo trovare un equilibrio tra le forze uguali e contrarie che sono presenti nella nostra vita?” ed esploro punti di vista filosofici sulla natura umana che dimora in bilico tra armonia e caos!

Se anche tu, come me, trovi nella realtà qualcosa che ti rassicura, e allo stesso tempo ti tormenta e ti turba, ti consiglio di leggere QUESTO ARTICOLO. 

2 | Introspezione: lo sport come strumento di auto indagine

Penso che uno dei modi migliori per approcciare un viaggio introspettivo di scoperta di sé sia attraverso lo sport.

Ogni disciplina ci porta a sbloccare nuovi livello di auto-consapevolezza del nostro corpo.

In accordo con questo principio, quest’estate, ho voluto dedicare del tempo alle immersioni e prendere il brevetto da sub.

(Questo nella foto sono io il penultimo giorno de corso, dopo essere riuscito ad allagare la maschera qualche metro sott’acqua e controllare la mia mente ansiosa, perchè fin da bimbo l’acqua nel naso mi terrorizzava e temevo di soffocare).

Ecco altre cose che sto facendo in ambito sportivo per arricchire il mio viaggio introspettivo:

  1. La meccanica del corpo umano: Sto analizzando la meccanica del corpo umano per capire i principi e il funzionamento del corpo e come, durante l’allenamento, il corpo distrugge per rinascere.
  2. Prana e energia: Sto studiando l’arte del respiro (il libro di James Nestor è davvero consigliato a riguardo, e te ne parlerò nel prossimo punto!)
  3. Nuovi corsi: Amo concepire lo sport come un mondo olistico dove puoi aggregare più discipline, skill e pattern tra loro (@portal.ido docet), a questo proposito, nei prossimi mesi, mi aspettano due nuovi corsi, ovvero arrampicata e tiro con l’arco
  4. Limiti e paure: Come dicevo qualche riga più su, fin da bimbo avevo il terrore di stare senza maschera sott’acqua, attraverso questo brevetto, che prevedeva di allagare e togliersi la maschera a diversi metri di profondità, ho affrontato questa cosa superandola con successo. 

Adesso desidero fare lo stesso con le vertigini e il terrore dell’altezza, attraverso il lancio con il paracadute (non vedo l’ora!)

Il temperamento non è mai destino, lo sport è uno strumento potentissimo di auto indagine.

E tu lo adoperi? Cosa ne pensi? In che modo ti aiuta?

Fammelo sapere rispondendo a questa mail!

3 | Condivido quello che studio e che imparo: L’antica e perduta arte del respiro

Nell’ultimo periodo ho avuto modo di riflettere sulle priorità della mia vita attraverso alcune letture estremamente stimolanti.

è il caso del libro “l’arte di respirare” di James Nestor.

“L’alimentazione, l’esercizio fisico, la resilienza dei nostri geni, il fatto che siamo magri, giovani o saggi: niente di tutto questo importa se non respiriamo in modo corretto. La colonna mancante della salute è il respiro. Tutto parte da lì.“

All’inizio ero un po’ incredulo, poi leggendolo non ho potuto dargli torto, il respiro è davvero tutto.

Oggi voglio parlarti di quello che ho imparato in questo libro e voglio farlo lanciando anche un’importante novità.

Sto per presentarti 20/80.

20/80 è un progetto culturale che valorizza l’essenziale.

In 20/80 ottieni tutto ciò che conta di un libro in qualche paginetta, e che ti fa fare la differenza, in soli 7 minuti.

Si tratta degli appunti delle mie letture, estratti e condensati per fornirti il massimo risultato con il minimo sforzo.

Perché l’ho creato?

“Abbiamo più informazioni, ma siamo meno informati.”

Questo è il paradosso dell’era digitale.

Siamo inondati da articoli, libri, ebook, corsi, video, tik tok, reel. 

Ogni giorno abbiamo accesso a tutto il sapere possibile e immaginabile.

Gestire questa sovrabbondanza di contenuti è perciò uno dei compiti più complessi per gli esseri umani del XXI secolo.

Capita sempre più spesso di trovarci disorientati, incapaci di distinguere il vero dal falso, il giusto dallo sbagliato, ciò che è importante dal rumore.

Come dice Harari:

“In un mondo alluvionato da informazioni irrilevanti, la lucidità è potere. La censura non opera bloccando il flusso di informazioni, ma inondando le persone di disinformazione e distrazioni.”

Ecco perché avere accesso alle giuste informazioni è un fattore critico di successo.

Per questo motivo ho voluto iniziare a condividere il 20/80 dei libri che leggo.

In 20/80 trovi solo ciò che conta, nell’ordine giusto per trasformare l’informazione in conoscenza e la conoscenza in risultati concreti in meno di 7 minuti.

Dai un’occhiata al primo 20/80

Il libro di James Nestor ha 248 pagine, nei miei appunti invece solo 12.

Costa 1/8 del libro ma, come dice il nome, può darti il 20% di input che ti farà ottenere l’80% dei risultati!

Se dovessi avere delle domande o delle richieste particolare non esitare a contattarmi!

4 | Vision e ambizioni: 250 giorni dopo

Quando a marzo 2020 è iniziata la quarantena sono stato contattato da una multinazionale che mi voleva assumere.

In quel periodo cercavo di trasformare la semplice divulgazione e condivisione in un’attività redditizia, dando il vita ad una vera e propria accademia dell’intelletto umano online.

Avevo lavorato senza sosta per mesi, ottenendo pochi risultati..

Così, visto il periodo di incertezza e l’opportunità che mi si era presentata, avevo deciso di accettare questo tipo di lavoro (anche se non mi entusiasmava a pieno).

Quando ho realizzato l’episodio #3 di questa newsletter mancavo 250 giorni alla scadenza del mio contratto.

Oggi il countdown ha toccato lo zero ed io ho finalmente raggiunto una stabilità lavorativa che mi soddisfa.

Cosa è successo negli ultimi 250 giorni?

Andiamo con ordine.

250 giorni prima: Ero frustrato per un ruolo che non mi soddisfaceva e che avevo accettato solo per fronteggiare un momento di incertezza, pensavo spesso di licenziarmi e di mollare tutto per trasferirmi in spagna.

223 giorni prima: L’azienda con cui lavoro mi offre di diventare cost e data analyst ed entrare a far parte dell’ufficio che decide i costi delle cose, facendo tutte le previsioni di bilancio, analizzando i costi dei materiali e i calcoli degli utili dell’azienda. Visto il mio background in ambito marketing (disciplina che adoro) sono euforico, ma la mia chiamata verso l’ignoto e l’imprevedibilità per fare un viaggio in giro per il mondo mi rendono assai indeciso.

Una volta mi sono perfino svegliato nel cuore della notte perchè una parte di me era infelice e insoddisfatta, ho meditato lasciandogli spazio, ascoltandola e permettendogli di esprimersi, e dopo la meditazione, ho scritto sul diario: “desidero svegliarmi ogni mattina senza sapere cosa mi accadrà.”

Vivevo un vero e proprio ammutinamento interiore tra le varie parti che mi caratterizzano.

La parte di me che – come dicevo – voleva svegliarsi ogni mattina senza sapere cosa sarebbe accaduto, ha completamente dirottato la mia vita.

105 giorni prima:  Ho passato più di tre mesi e mezzo in questo stato di confusione, facendo esattamente quello che racconto nell’articolo del punto 1.

Ho comprato i biglietti per Las Palmas, l’isola dove la parte di me voleva trasferirsi, promettendogli che avrei riflettuto in modo razionale, facendo esperienza in modo diretto di quell’isola, e se avessi visto che la cosa mi piaceva avrei fatto in modo di trasferirmi lì, anche senza un piano troppo definito (per farla contenta).

Questo viaggio è stato la svolta.

Sono tornato una persona nuova e ho capito un sacco di cose!

Ogni volta che mi allontano da casa mi rendo conto di quanto mi manca l’Italia, di quante cose belle ci sono e delle fortune che ho.

Così sono tornato con molta più chiarezza e focus sulla mia vita, la parte di me “wild” e amante dell’ignoto si è calmata, abbiamo concordato cosa sia meglio in questo momento della nostra vita ed ora sono tornato a godere della quiete e della stabilità che stavo costruendo.

Tornato dal viaggio ho avuto modo di toccare sempre più con mano alcune mansioni che avrei svolto nel nuovo ruolo e oggi che il countdown è a zero sono felice, sereno e grato.

Ho finalmente una stabilità lavorativa che mi soddisfa.

Ho il mio blog, che è la dimora dei miei processi introspettivi, dove posso esprimere me stesso.

Dopo il periodo in casa da solo riesco finalmente a godere a pieno del tempo con famiglia.

Sono in salute, mi alleno, leggo, penso e non sono mai stato così sereno prima d’ora.

Questa mattina ho ricalibrato la mia vision per i prossimi due anni e rianalizzato il mio intero piano di studi.

Mi attendono circa 39 libri e 5 corsi.

Non sono ancora pronto a parlartene, sono una persona che prima fa e poi racconta, ma come sai sono anche uno che condivide durante il percorso quindi avrò modo di parlartene.. magari tra 250 giorni:)

Nel frattempo però chiudiamo questa newsletter con il quinto ed ultimo punto!

5 | Life-Lesson:Se continui ad identificarti con ciò che sei ti perderai ciò che stai diventando

Nell’ultimo periodo insieme al libro di James Nestor, ho avuto il piacere di leggere l’ultimo romanzo di Gianluca Gotto: “Succede sempre qualcosa di meraviglioso”

Leggere le sue parole mi ha donato tanto.

Ti lascio uno dei pezzi che mi ha colpito di più:

«Se hai affondato le radici della tua identità in qualcosa che non esiste più, temi che, lasciandolo andare, perderai anche te stesso, smetterai di esistere. Ecco perché le persone tendono ad aggrapparsi così disperatamente al passato. Ad esempio, nella tua mente ora tu sei “Davide, quello a cui hanno spezzato il cuore”. E se togliamo questo appellativo, cosa ti resta? Solo Davide. E chi è Davide? Non è facile rispondere a questa domanda. Rischi di non sapere chi sei nel profondo e andare in crisi. Ci vuole coraggio a guardarsi dentro, e allora meglio identificarsi con il proprio passato e con la propria sofferenza, mentre si spreca il proprio presente… vero? In realtà perdi te stesso proprio quando concentri la tua attenzione su qualcosa che non tornerà mai più, invece di concentrarti su ciò che hai e sei ora. Fatta tua questa consapevolezza, smetti di soffrire

Attraverso i vecchi episodi di questa newsletter riesco a connettermi a parte di me che non esistono più.

Le ferite emotive che ho condiviso, le mie ansie, le mie preoccupazioni e il senso di performance che mi ha fatto vivere la vita come se fosse una gara mentre invece di un viaggio.

Tutte queste cose, nel momento in cui scrivo, hanno smesso di turbare la mia quiete. Sono riuscito ad riallineare molte parti di me e abbandonare il senso d’identità ferito di cui parla Gianluca, con la quale mi sono identificato per molto tempo, e riuscire, finalmente, a vivere in pace.

Questo insegnamento chiude una ciclicità molto importante, tra tre giorni sarà il mio compleanno e compirò 23 anni lasciandomi alle spalle tutte queste cose che negli ultimi mesi ho condiviso insieme a te.

Grazie di essere stato con me, grazie per il tempo che mi hai dedicato, è stato un anno pazzesco!

Salvatore.

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Newsletter

Quella che hai appena letto è la MyLife Recap (news)letter: il diario di viaggio che ho creato per condividere periodicamente contenuti, risorse e retroscena del mio percorso personale alla scoperta di me stesso.

si tratta di un luogo dove veicolo senza censure tutti i pensieri e le riflessioni che accompagnano il mio cammino.

Iscriviti qui di seguito.

chi è Salvatore Olivieri

Iscriviti

riceverai una mail ogni 7-10 giorni: niente SPAM, niente pubblicità, solo idee di alta qualità.

iscriviti inserendo la mail qui di seguito.

Ogni settimana condivido con te:

Leggi anche